Si giocava a schioccapalle. Di Vittoriano Innocenti e Tiziana Vivarelli
Toscana Folk, 01-03-2006, Alessandro Bencistà
Anche noi eravamo bambini negli anni ’40 del Novecento e ricordiamo bene quali erano i nostri giuochi, quelli che attualmente si ricostruiscono nei musei e nelle mostre-mercato, ed è questo che ci mette addosso tanta tristezza: vedere i bambini di oggi alle prese con le play station, con i telefonini, coi nintendo (si chiamano così quelle scatolette elettroniche su cui vediamo concentrasi l’interesse dei pargoletti contemporanei?). Il progresso si dirà. Anche noi qualche volta ci siamo lasciati tentare da un’automobilina di latta a molla, ma la maggior parte non ha mai posseduto un pallone di cuoio, la nostra palla era fatta di stracci legati con lo spago.
Alcuni anni fa (1984) un nostro amico maremmano, Alessandro Giustarini, pubblicava col comune di Grosseto un
libro analogo, “Giochi e passatempi dei ragazzi di ieri”, una serie di testimonianze raccolte nella zona amiatina di Santa Caterina a Roccalbegna. Il libro di Vittoriano (di cui non conosciamo la prima edizione) si muove nella stessa direzione, mancano le foto che rendono preziosa la ricerca di Giustarini, ma in compenso è arricchito dai bei disegni a colori di Stefano Frosini e soprattutto dai corposi saggi introduttivi di Claudio Rosati e Tiziana Vivarelli che ne fanno un lavoro di grande spessore, quest’ultima con Vittoriano Innocenti è la curatrice del volume.
Riscopriamo così insieme lo schioccapalle del titolo (da noi nel Chianti schizzapalle) con cui si ingaggiavano interminabili battaglie; il cirulì (ciribè) e la campana con i quali si diventava
i padroni della strada. Ce n’erano anche di piuttosto pericolosi, come le bombe al carburo che ci procuravano spesso gustose cenette a base di pesciolini fritti. Il libro reca in appendice anche una ricca serie di detti popolari e filastrocche più l’indice ragionato. La provincia di Pistoia sempre attenta alla conservazione del patrimonio culturale della tradizione popolare e contadina è coeditrice, con Polistampa, del libro che fa parte dei QUADERNI DELL’ECOMUSEO. La pubblicazione è collegata al progetto della Provincia di Pistoia – Assessorato alla Cultura – “Ecomuseo della Montagna pistoiese” in particolare all’itinerario della vita quotidiana e al Museo della Gente dell’Appenino Pistoiese a Rivoreta, con il suo laboratorio del giocattolo.
Si giocava a schioccapalle
Giochi, giocattoli e passatempi della tradizione toscana