Giuseppe Giusti il poeta dimenticato
Il Nuovo Corriere, 10-06-2009, ––
Una mostra di manoscritti, libri e documenti sarà allestita all’interno della Tribuna Dantesca della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, insieme al Comitato nazionale per le celebrazioni del Bicentenario della nascita di Giusti, all’Accademia della Crusca e al Gabinetto Viesseux, hanno dato vita a questa mostra che si inaugura oggi alle 12 con gli interventi di Antonia Ida Fontana, Dirigente della biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Cosimo Ceccuti,
Università degli studi di Firenze, Maurizio Fallace, direttore generale per i beni librari. Durante l’inaugurazione saranno eseguite, dal Conservatorio L. Cherubini, lacune romanze su testi del Giusti. Oltre a contribuire a riportare all’attenzione del pubblico la figura e la produzione letteraria di un poeta e scrittore, troppo poco celebrato, questa mostra rappresenta l’occasione per far conoscere una delle preziose raccolte dell’Istituto: la Biblioteca
conserva infatti, l’Archivio Capponi, nel quale si trovano cinque cartelle che contengono molte lettere di Giusti, varie copie di poesie edite e inedite, prose abbozzi e commedie. A questo fondo si è aggiunta negli anni seguenti la cosiddetta ‘Appendice Capponi’, con numerosi fogli di poesie e prose. La Biblioteca ha inoltre arricchito le sue raccolte con l’acquisto dell’autografo della nota poesia «Re Travicello».
Cronaca dei fatti di Toscana (1845-1849)
Ristampa anastatica dell’edizione Le Monnier, Firenze, 1948