Le cinquine del Premio Roma
Leggere: tutti, 01-07-2008, ––
Il teatro romano di Ostia Antica ospiterà il 15 luglio la serata conclusiva del Premio Roma. Le tre cinquine delle opere finaliste sono: narrativa straniera: Ismail Kadarè, Tredici lune (Longanesi); Petros Markaris, La lunga estate calda del commissario Charitos (Bompiani); Meir Shalev, Il ragazzo e la colomba
(Frassinelli); John Updike, Villaggi (Guanda); Abraham B. Yehoshua, Fuoco amico (Einaudi); narrativa italiana: Vincenzo Cerami, Vite bugiarde (Mondadori); Chiara Gamberale, La zona cieca (Bompiani); Massimo Griffo, Amaritudine (Polistampa); Paola Mastroccola, Più lontana della luna (Guanda); Giorgio Todde, L’estremo
delle cose (Frassinelli); saggistica: Giordano Bruno Guerri, D’annunzio (Mondadori); Karlheinz Stierle, La vita ai tempi del Petrarca (Marsilio); Tzvetan Todorov, La letteratura in pericolo (Garzanti); Marcello Veneziani, Rovesciare il ‘68 (Mondadori); Paul Veyne, L’impero greco romano (Rizzoli).
Amaritudine