Leonardo Libri | Firenze | Scheda Libro

La parte migliore di me

Mauro Pagliai, 2011

Pagine: 84

Caratteristiche: br.

Formato: 12,2x20

ISBN: 978-88-564-0148-6

Collana:

Le ragioni dell’Occidente, 11

Settore:

L2 / Romanzi

SS6 / Socioumanitario

€ 6,80

€ 8 | Risparmio € 1,20 (15%)

Quantità:
4° migliaio di copie
Un disincantato romanzo sull’esistenza “senza fissa dimora”

“Scarti umani”, “rottami della società”, “sporchi fantasmi che girano a vuoto”: dietro le definizioni dure e immediate di Fabio Amadi si nasconde un’umanità varia e dolente che troppo spesso, in questo tempo frenetico e veloce, è dimenticata, lasciata ai margini, abbandonata a se stessa. Eppure tra le pieghe delle nostre società, che nonostante la crisi attuale, così diffusa e profonda, restano comunque a buon titolo società “del benessere”, ci sono una miriade di esistenze che disegnano traiettorie tanto invisibili quanto dolorose. Esistenze di cui sono in pochi ad accorgersi e ancora in meno a preoccuparsi, perché i sentimenti che prevalgono tra le persone sono il disinteresse e la paura – “paura di fermarsi”, “paura di mescolarsi”, come scrive l’autore. Esistenze simili a quella tratteggiata in queste pagine, condotte “di città in città”, in un “girare a vuoto” fatto di “tempo senza tempo”.
Walter Veltroni

Con il suo racconto crudo Fabio Amadi ci fa vedere e sentire questi colori e odori: quelli che sento e vedo all’interno delle nostre mense, per la strada o dentro i dormitori che tante volte, per contrapposizione, sono riempiti di disinfettanti nel tentativo di cancellare insieme agli odori forse anche le storie personali di chi ci è passato.
Mons. Dino Pistolato

I edizione: aprile 2011
I ristampa: settembre 2012