Roberto Venturi

Roberto Venturi nasce nel 1944 a Paoluccio, minuscola borgata a monte dell’Orsigna. La sua passione per il disegno risale all’infanzia, portandolo a iscriversi all’istituto d’arte Petrocchi di Pistoia, dove si trasferisce con tutta la famiglia. Alla scuola conosce importanti artisti tra cui Pietro Bugiani, Umberto Mariotti, Alberto Caligiani e Marino Marini. Ma più determinante è per lui l’insegnamento di Bugiani, che lo avvicina a Giotto, Masaccio, l’Angelico, Paolo Uccello, Cézanne o ai nostri Carrà, Morandi, Rosai, Bernasconi. Dopo l’alluvione del ’66 Venturi inizia a lavorare come restauratore nella prestigiosa impresa fiorentina di Rosi, Tintori e Del Serra. Nel frattempo sposa Vivetta, originaria della Maremma, i cui paesaggi pieni di luce sono esposti nel 1971 alla Galleria 70 in Porta al Borgo di Pistoia. Nel 1977 si mette in proprio come decoratore, dedicando più tempo alla pittura. Fra i colleghi anziani frequentati, quelli nati negli anni trenta, è con Sigfrido Bartolini e Aldo Frosini in particolare che mantiene rapporti di amicizia. Cessata nel 2004 l’attività di decoratore, si cimenta con l’affresco e nel 2006 gli viene affidato il restauro della chiesa di Sant’Atanasio in Orsigna: il recupero degli affreschi ottocenteschi di Bartolomeo Valiani, lo occupa fino al 2010. A seguito di questa esperienza è poi chiamato a restaurare gli affreschi della Biblioteca Fabroniana a Pistoia.
Di lui hanno scritto Pietro Bugiani, Carlo Canepari, Alfio Del Serra, Paolo Gestri, Roberto Giovannelli, Carlo Lapucci, Elvio Natali, Tommaso Paloscia, Dino Pasquali, Lucia Raveggi, Mario Rotta, Umberto Semplici, Siliano Simoncini, Salvatore Sorbello, Sergio Tosi.

Vedi anche