Leonardo Libri | Firenze | Scheda Libro

La Fonte Gaia di Jacopo della Quercia
Storia e restauro di un capolavoro dell’arte senese

Polistampa, 2011

A cura di:

Sara Dei

Enrico Toti

Pagine: 208

Caratteristiche: ill. col., cart.

Formato: 22x27

ISBN: 978-88-596-0893-6

Settore:

A1 / Storia dell’arte

A5 / Restauro

€ 30,60

€ 36 | Risparmio € 5,40 (15%)
Spedizione Gratuita

Quantità:
Il libro racconta la storia e il restauro di uno dei monumenti più significativi e rappresentativi dell’arte senese. Esempio di un felice connubio tra dimensione artistica e funzione pubblica, quella della Fonte Gaia è una storia in cui le vicende artistiche si intrecciano con i principali eventi della città, intrattenendo un dialogo costante con il cuore di Siena e con i suoi palazzi. Come ha ricordato Cristina Acidini “la Fonte Gaia ha svolto nella sua storia plurisecolare molteplici funzioni: rifornire d’acqua i cittadini nel cuore della piazza principale, grazie a un complesso sistema sotterraneo di “bottini”; esprimere l’orgoglio senese per la discendenza romana con le sculture di Jacopo della Quercia; significare il rispetto delle Virtù e la devozione per la Madonna; rappresentare uno dei vertici dell’arte del primo Rinascimento toscano, negli anni in cui la scultura toccava o si apprestava a toccare con Ghiberti, Brunelleschi, Donatello, Luca della Robbia, primati di qualità che raramente aveva raggiunto dopo la scomparsa dell’antica epoca classica”.
Le vicende legate ai lavori di restauro della Fonte di Jacopo della Quercia, così come la sua storia, rappresentano una storia appassionante e di grande interesse, ma al tempo stesso complessa e tormentata e sono puntualmente ripercorse in questo libro grazie allo studio di Gabbrielli, alle ricerche della giovane storica dell’arte Sara Dei e a quelle di altri autorevoli studiosi. Il volume si avvale infatti anche di una breve biografia dello scultore tracciata da Laura Cavazzini, nonché di un’acuta riflessione storico-politica di Duccio Balestracci sui motivi che indussero i governanti senesi all’edificazione di un monumento dalla “robusta valenza massmediatica”, in modo da poter mettere “le virtù in Piazza” e impreziosire il Campo.
Testi di Enrico Toti, Laura Cavazzini, Duccio Balestracci, Sara Dei, Fabio Gabbrielli, Massimo Ferretti, Stefano Landi, Daniela Manna, Anne-Katrin Potthoff, Carlo Lalli, Andrea Cagnini, Natalia Cavalca, Federica Innocenti, Giancarlo Lanterna, Simone Porcinai, Maria Rizzi.

Formato PDF