Leonardo Libri | Firenze | Scheda Libro

La certezza di Dio
Le ragioni per dover credere

Polistampa, 2009

Pagine: 184

Caratteristiche: br.

Formato: 14x21

ISBN: 978-88-596-0613-0

Settore:

DSU3 / Filosofia

DSU4 / Religione

€ 10,20

€ 12 | Risparmio € 1,80 (15%)

Quantità:
Il contrasto tra il credente, secondo cui il mondo dei corpi (umani e non umani) è stato creato da Dio, e l’ateo, secondo cui il mondo stesso è increato, sembra essere irriducibile. In che modo, allora, potrebbe essere irrefutabilmente riconosciuta l’esistenza di Dio? Occorre ammettere, da un lato, che non possiamo premettere l’esistenza del mondo alla nostra conoscenza di esso, poiché, senza questa, il mondo stesso non potrebbe per noi esistere; d’altro lato, che non possiamo premettere la nostra conoscenza del mondo alla sua esistenza, poiché, senza di esso, la nostra non potrebbe essere conoscenza del mondo medesimo. Si ha, quindi, che esistenza e conoscenza del mondo non si possono separare, poiché l’essere dell’una è quello stesso dell’altra. Ora, vi sono ragioni per poter escludere che le concezioni iniziali del progresso conoscitivo umano possano avere per oggetti dei corpi. Il problema da risolvere, quindi, diventa quello di stabilire come si siano avute o si abbiano le condizioni grazie a cui ogni essere, capace di pensare, è potuto o potrà giungere a concepirsi esistente (e, in pari tempo, a conoscersi), secondo un corpo tra altri corpi, esigendo, tra l’altro, che questi siano esistenze autonome, permanenti, indipendenti da quel suo stesso concepire. Ebbene, si deve necessariamente ammettere che, a fondamento di tutto ciò, deve stare quell’essere eterno e creatore che chiamiamo Dio.

Formato PDF