Leonardo Libri | Firenze | Scheda Libro

Maria Lorena Pinzauti Zalaffi
L’incanto del colore. Opere 1940-2008

Mauro Pagliai, 2008

A cura di:

Giovanna Maria Carli

Pagine: 176

Caratteristiche: ill., 63 tavv. col., cart.

Formato: 24x31

ISBN: 978-88-564-0034-2

Settore:

A2 / Arte moderna e contemporanea

€ 27,20

€ 32 | Risparmio € 4,80 (15%)
Spedizione Gratuita

Quantità:
È il catalogo della mostra antologica realizzata a Montecatini Terme (Pistoia) nel settembre 2008. Contiene testi di Riccardo Nencini, Cristina Acidini, Antonio Paolucci, Giovanna Maria Carli, Eugenio Marino O.P., Gabriela Elena Bogdan, Anita Valentini, Silvia Ranzi, Annamaria Masieri, Gianni Conti, Stefano De Rosa, Giovanna Carocci, Maria Bigazzi oltre a un’intervista biografica di Giovanna Maria Carli, un’antologia critica e un catalogo a colori di circa 150 opere (suddivise nelle sezioni I fiori, I paesaggi e Le figure) 63 delle quali affiancate da schede critiche di Gabriela Elena Bogdancon.
“Maria Lorena Pinzauti Zalaffi – scrive Antonio Paolucci nel saggio introduttivo – è un occhio che guarda. Guarda un cartoccio di fiori, guarda un angolo di campagna toscana (case rosse, stoppie gialle, il verde grigio degli ulivi e il verde nero dei cipressi sotto il gran cielo d’estate) guarda una ragazza in riposo perduta nel sogno di una cosa, e di questo si appaga. Alla base della sua arte ci sono stupore e gratitudine. Stupore per il meraviglioso spettacolo del mondo. Gratitudine per avere occhi che guardano, cuore che si emoziona, e il mestiere – un lungo sagace fruttuoso mestiere lungo sessant’anni – che permette allo stupore e alla gratitudine di diventare pittura.
Il carattere distintivo di Maria Lorena Pinzauti Zalaffi è una immediatezza sorgiva, affettuosa e traboccante di gioia.
Si ha l’impressione che le forme e i colori delle cose entrino in lei e in lei felicemente dilaghino. Guardare il mondo con cuore caldo e mente serena e ringraziare il Signore che ci fa dono di tanta bellezza. Questo, in sintesi, a me sembra essere il messaggio che la pittrice ci consegna e per questo le dobbiamo ammirata gratitudine”.