Leonardo Libri | Firenze | Scheda Libro

Modi di dire calitrani

Polistampa, 2008

Pagine: 288

Caratteristiche: br.

Formato: 17x24

ISBN: 978-88-596-0444-0

Collana:

Quaderni de “Il Calitrano”, 3

Settore:

L4 / Aforismi

SS7 / Cultura popolare

€ 17,00

€ 20 | Risparmio € 3,00 (15%)

Quantità:
 
Cap’ chi n’ parla, eia chiamata cucozza
   (La testa che non parla è chiamata zucca)
Cora eia cchiù brutta a scurcià / scurt’cà
   (La coda è la peggiore a spellare:
   è l’ultima parte di ogni lavoro la più impegnativa)
Femm’na fac’ lu chiacch’ e l’omm’n’ ng’ s’appica
   (La donna fa il cappio e l’uomo ci si impicca)
L’autore intende conservare il modo di parlare di Calitri, visto che oggi i giovani non conoscono affatto certi termini dialettali legati per lo più alla quotidianità contadina dei progenitori, fatta di una maggiore comunità di vita e di lavoro. Strumento di ricerca e di studio per le future generazioni che studieranno non solo la storia, ma anche i dialetti italiani, questo libro aiuta a ricordare come si parlava – e si continua a parlare – in questo paese in provincia di Avellino abitato, una volta e per lo più, da gente analfabeta che spesso si esprimeva ricorrendo a frasi idiomatiche, proverbi, contrasti, canzoni, modi di dire ecc.
Presentazione di Michela Salvante.

Formato PDF