Leonardo Libri | Firenze | Scheda Libro

La nascita della clinica moderna in Europa
1750-1815. Politiche, istituzioni e dottrine

Polistampa, 2007

Pagine: 832

Caratteristiche: br.

Formato: 15x21

ISBN: 978-88-596-0261-3

Collana:

Biblioteca di Medicina & Storia, 8

Settore:

DSU1 / Storia

S1 / Medicina

€ 25,50

€ 30 | Risparmio € 4,50 (15%)
Spedizione Gratuita

Quantità:
Edizione italiana della raccolta di saggi sulla storia della medicina e della sanità in Europa dalla seconda metà del XVIII secolo alla Restaurazione, opera di Othmar Keel, uno dei principali esperti in materia, pubblicata per la prima volta a Montréal nel 2001. L’autore studia i tempi e i modi in cui si è formata la medicina anatomo-clinica moderna e analizza come l’ospedale è diventato il quadro centrale per la pratica, l’insegnamento e la ricerca medica. Tutti temi che sono già stati trattati in passato, ma che Keel affronta con un approccio originale, innovando profondamente la questione.
Nella prima parte vengono analizzate in maniera comparativa le strutture ospedaliere e le pratiche mediche nel quadro dell’ospedale; nella seconda l’autore privilegia un punto di vista più prettamente storico-scientifico. Le opinioni e le teorie esposte prendono avvio da una tesi di dottorato del 1977 intitolata Cabanis et la généalogie de la médecine clinique, in cui veniva proposta una nuova analisi delle condizioni sociopolitiche, istituzionali, ideologiche ed epistemologiche che hanno reso possibile il passaggio dalla medicina detta ‘al letto del malato’ (bedside medicine) alla medicina clinica detta ‘ospedaliera’ (hospital medicine): in questo senso il periodo post-rivoluzionario e l’inizio del XIX secolo della medicina francese (ed in particolare parigina) viene considerato il momento di svolta decisivo.
Il libro si caratterizza per l’allargamento, rispetto ad altri saggi, della prospettiva di analisi, includendo realtà geo-politiche e culturali raramente prese in considerazione dalla storiografia storico-scientifica (sebbene la loro importanza risulti evidente dalle fonti) e, per quanto riguarda l’Italia, per la particolare attenzione riservata all’insegnamento ospedaliero della medicina e alla ricerca anatomo-clinica nella Penisola nel XVIII secolo.
Introduzione di Maria Pia Donato. Traduzione italiana di Paola Pistolesi. Collaborazione redazionale di Bahia Hakiki.

Formato PDF