Leonardo Libri | Firenze | Scheda Libro

Carlo Testi
Paesaggi toscani. Opere recenti

Polistampa, 2004

A cura di:

Stefano De Rosa

Pagine: 80

Caratteristiche: ill. col., br.

Formato: 24,5x27

ISBN: 978-88-8304-730-5

Settore:

A2 / Arte moderna e contemporanea

Vedi:

Carlo Testi

€ 13,30

€ 14 | Risparmio € 0,70 (5%)

Quantità:
Catalogo della mostra allestita presso l’Accademia dei Georgofili, Logge degli Uffizi Corti, Firenze, dal 23 aprile al 15 maggio 2004.

“Testi ha allargato il proprio registro cromatico e da ciò è scaturita una pittura che sa oscillare fra i toni primaverili e quelli autunnali, senza perdere quel senso di pregnanza che la contraddistingue.
Nel suo colore, pastoso e materico, si celebra un conseguimento naturalistico che sconfina in quella che Ragghianti definiva un’‘aggiunta di vita nella consapevolezza poetica’.
L’esplosione cromatica caratterizza i prati, i campi, gli alberi. Le marine e i corsi d’acqua sono poi particolarmente congeniali all’estro compositivo di Testi, sempre così accorto nel seguire il corso imprevedibile delle correnti, come del resto lo è nel fermare nel quadro un momento di serenità suggerito dagli elementi naturali.
Il visitatore della mostra e il lettore del catalogo potranno da soli scegliere gli esempi.
Io mi limito a citare un dipinto che mi è caro, Tramonto giallo - Lago di Chiusi, che mi pare contenere tutti gli elementi di una pittura così calda nel concepimento ed immediata, fresca, nella resa: la vegetazione a destra, il cielo carico di tempestosi effetti luminosi del tramonto, il corso d’acqua e una sottile linea che ne chiude il flusso.
Tutto è quotidiano, semplice, riconoscibile; un quadro che parla all’esperienza che ciascuno di noi ha fatto.
Proprio per questo, il dipinto esercita una necessaria funzione di stimolo sulla nostra memoria e sulla necessità di ricordare, di portare alla superficie sensazioni sepolte. Questo è uno dei compiti dell’arte. Averlo dimenticato è stato fatale. Il minimo che possiamo fare è dimostrare gratitudine a quanti, come Carlo Testi, perseverano in un compito così nobile, dal quale molti rifuggono” (Dalla presentazione di Stefano De Rosa).